Programmi tv stasera

Il sito Programmi TV stasera nasce per fornire in modo semplice ed immediato l'elenco dei programmi in onda durante la serata.
Passa con il mouse sopra l'icona "info" Icona info programmi per vedere le informazioni sul programma selezionato.







Curiosità sulla storia della TV

La TV italiana nacque ufficialmente il 3 gennaio 1954 e venne trasmessa dalla RAI (Radiotelevisione Italiana), società pubblica ma controllata dallo Stato. 
Fino ad allora, gli unici mezzi di informazione di massa erano solamente la radio ed il cinema, ed il livello di analfabetismo toccava circa 13% della popolazione.
Inizialmente, la TV non veniva vista in tutta Italia, ma solamente in alcune regioni, come la Lombardia, il Piemonte, la Liguria, la Toscana, l’Umbria ed il Lazio, ma già nel 1961 la quota di diffusione raggiunte il 97% della popolazione italiana.

Nel corso degli anni il numero di abbonati alla TV continua ad aumentare, fino a raggiungere i 6 milioni nel 1965. Nello stesso anno, l’affluenza al cinema subisce un notevole calo perché preferito alla televisione. Chi non può permettersi la TV viene ospitato a casa del vicino o nei luoghi pubblici che la dispongono.

Il  televisore divenne, così, non solo un mezzo per ravvicinare ed unire le persone ma anche uno dei più importanti strumenti di informazione ed educazione della popolazione, abbassando i livelli di ignoranza ed alfabetismo.

I programmi TV, inizialmente, sono studiati per creare una sorta di teatro domestico, basti pensare a Giorgio Albertazzi (il primo divo della televisione) che legge novelle e storie in TV solamente il venerdì e la TV dei Ragazzi in onda nei giorni feriali, seguita dal telegiornale.

La pubblicità venne introdotta nel 1957 con l’introduzione del nuovo programma Carosello, al termine del quale i bambini andavano a letto.
Nel resto d’Europa e in America la TV era molto più diffusa e nel 1958 si assiste al primo dibattito politico tra Kennedy e Nixon.
Nel 1961 nasce il secondo canale, con un notevole aumento di programmi definiti, allora, culturali, ma si trattava soprattutto di fiction teatrali e di pochissimi film (i produttori non volevano concedere i diritti alla riproduzione dei loro film).

La televisione divenne soprattutto intrattenimento con programmi come Lascia o Raddoppia? e Un due e tre, ma le trasmissioni più viste restavano comunque i telegiornali, considerati dalla popolazione più attendibili rispetto ai quotidiani.

Continua...